Napoli – Bari AV: al consorzio composto da WEBUILD - Impresa Pizzarotti & C. e Astaldi la gara per la tratta Orsara – Bovino

Il tracciato del lotto è di circa 11,8 km. Province interessate: Avellino, Foggia

L'investimento complessivo di RFI è di 561,6 milioni di euro

 

Roma, 14 giugno 2021

Si compie oggi una nuova importante tappa verso il completamento della linea Alta Velocità/Alta Capacità Napoli – Bari, con l’aggiudicazione della gara di appalto indetta da Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) per la realizzazione della tratta Orsara – Bovino.

Ad aggiudicarsi i lavori, per un valore a base di gara pari a circa 430 milioni di Euro, è stato il Costituendo Consorzio Ordinario di Concorrenti WEBUILD S.p.A. (consorziata capofila) - IMPRESA PIZZAROTTI & C. S.p.A. (consorziata mandante) – ASTALDI S.p.A. (consorziata mandante).

L’intervento, quasi tutto in galleria, interessa il tratto terminale della direttrice Napoli – Bari a cavallo tra le province di Avellino e Foggia, e risulta strategico nel riassetto complessivo dei collegamenti metropolitani, regionali e di lunga percorrenza previsto con la realizzazione di tutto il potenziamento.

L’investimento complessivo da parte di RFI, comprensivo di altri costi e voci di spesa, è di circa 561,6 milioni di euro.

L’aggiudicazione della gara segue quella dello scorso anno della tratta Telese – San Lorenzo Maggiore – Vitulano, ricadente nel tratto Frasso Telesino/Dugenta –Vitulano dell’attuale linea ferroviaria, nonché la consegna dei lavori delle tratte Frasso – Telese e Apice – Hirpinia, intervenute rispettivamente a settembre e a dicembre del 2020 e precede l’imminente aggiudicazione del lotto Hirpinia – Orsara.

Allo stato attuale le attività sui vari lotti della Napoli Bari risultano le seguenti:

  • Napoli - Cancello, Cancello - Frasso, Frasso - Telese, Apice - Hirpinia: in costruzione;
  • Telese - San Lorenzo, San Lorenzo - Vitulano: in costruzione a partire dal prossimo ottobre;
  • Orsara - Bovino: aggiudicata;
  • Hirpinia - Orsara: in corso aggiudicazione.

 

Condividi:
Condividi su Google Plus